Platimiro Fiorenza

  Artista del corallo


Menu

Communities

Skype Me!
Newsletter

NAME
EMAIL
Desidero iscrivermi alla newsletter
Tag Cloud




RossoCorallo II Edizione

COMUNICATO STAMPA
II Edizione

Platimiro Fiorenza
"RossoCorallo - Tradizione e Innovazione"
 
Domenica 8 dicembre 2013, alle ore 18.00, si inaugura, presso la Galleria “Altomani &Sons” di Milano, la Mostra Personale di Platimiro Fiorenza “RossoCorallo – tra Tradizione e Innovazione”.
 
La galleria Altomani &Sons è lieta di presentare la Mostra personale di Platimiro Fiorenza, posta sotto il patrocinio del Comune di Trapani e del Comune di Erice, con cui si rende omaggio ad un grande Maestro che è stato capace di rinnovare, con le sue doti creative, la nobile Arte del corallo.
 
Dopo la prima edizione della mostra “RossoCorallo – tra Sogno e Materia”, tenutasi nel 2012 presso il Museo Civico di Torre Ligny a Trapani, la seconda edizione della Mostra, intitolata “RossoCorallo, tra Tradizione e Innovazione”, fa tappa a Milano per offrire a un pubblico sempre più vasto l’opportunità di ammirare una selezione delle opere del Maestro Platimiro Fiorenza, ultimo artigiano corallaio. Tali opere sono accostate ad antichi manufatti in corallo di epoca settecentesca al fine di sottolineare la continuità della tradizione con l’arte contemporanea.
 
Maestro d’arte trapanese, Platimiro Fiorenza è fra i più rinomati creatori siciliani che attualmente tengono viva, a livello internazionale, tale secolare tradizione. Tra le eccellenze del patrimonio siciliano, il suo valore artistico è stato riconosciuto dall’UNESCO: nel 2013, infatti, il maestro è stato inserito nel R.E.I. (Registro delle Eredità Immateriali) nel “Libro dei Tesori Umani Viventi”. Nelle sue opere tradizione e innovazione si fondono in un unicum di impareggiabile bellezza, in cui l’inventiva si coniuga sempre con la fedeltà alle tecniche tradizionali.
 
Platimiro Fiorenza nasce a Trapani nel 1944 e si avvicina alla lavorazione del corallo in giovane età. Figlio di un artigiano orafo corallaio, Fiorenza cresce nella bottega del padre ed a soli sette anni comincia a lavorare l'oro, l'argento, il corallo e a conoscere le pietre  facendo le sue prime incisioni. Conseguito il diploma nella Scuola di Arti e Mestieri della sua città, a venti anni parte per Milano, dove inizia un rapporto di collaborazione con il grande scultore Giò Pomodoro. Dopo aver acquisito maggiore esperienza, ritorna nella amata città di Trapani e fonda la sua bottega con laboratorio aprendosi a tantissimi giovani, provenienti da tutta la Sicilia, desiderosi di imparare l'arte e gli antichi trucchi del mestiere. Dagli anni ’70 ad oggi Fiorenza ha esposto in Italia e all’estero riscuotendo grande successo di pubblico e di critica e ottenendo riconoscimenti di alto profilo; le sue opere fanno parte di prestigiose collezioni pubbliche e private tra le quali citiamo i Musei Vaticani e la Cattedrale di Monreale.
 
La mostra, a cura di Rosadea Fiorenza, è ospitata presso la Galleria Antiquaria "Altomani & Sons" di Andrea Ciaroni. Tale prestigiosa sede, nata dalla passione per la maiolica antica, si è ben presto dedicata anche alla pittura, alla scultura, al mobile e agli oggetti d’arte, principalmente italiani, appartenenti al periodo compreso tra il XII e il XVIII secolo. La sua esperienza, ormai quarantennale, ha consentito di creare una collezione di opere d’arte di grande valore storico e di altissima qualità artistica raggiungendo i massimi livelli nel campo del mercato antiquario. La Galleria vanta la partecipazione alle più importanti esposizioni internazionali, quali le Biennali di Firenze, di Roma, di Milano ed il TEFAF di Maastricht, oltreché la collaborazione con i maggiori Musei italiani ed internazionali, avvalendosi, a tal riguardo, della consulenza di esperti d’Arte di fama mondiale al fine di operare in modo sempre più mirato e selettivo.
 
In occasione della mostra sarà presentato il catalogo, a cura di Rosadea Fiorenza “RossoCorallo – tra Tradizione e Innovazione”, edito da Altomani & Sons. Il catalogo con introduzione di Rosadea Fiorenza, si avvale del testo critico della prof.ssa Maria Concetta Di Natale e di un’intervista all’artista di Cristina Costanzo.
 
La mostra sarà visitabile sino al 23 Dicembre
 
 
Si Ringraziano:
 
La Galleria Altomani & Sons
L’Azienda Isola del Miele
Azienda vinicola Abate Franca Alba
Margana Edizioni
 
 
Vernissage:
8 Dicembre 2013,  ore 18.00
 
orari di apertura
la mostra sarà visitabile dall’8 Dicembre al 23 Dicembre 2013
dal Lunedi al Sabato,  dalle 10.00 alle 19.00 (orario continuato)
chiuso la Domenica
 
sede:  Galleria Altomani & Sons – Via Borgospesso, 14, 20121 Milano
Tel: 02 201033
Cell: 320/5758505
Email: rosadea.f@hotmail.it  ;
Sito web www.gioielleriaplatimirofiorenza.com  ;    www.altomani.com
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

PLATIMIRO FIORENZA, biografia dell’artista a cura di Cristina Costanzo.

 
Platimiro Fiorenza nasce a Trapani nel 1944. Figlio di un artigiano orafo corallaio, cresce nella bottega paterna e a soli sette anni comincia a lavorare l’oro, l’argento e il corallo, a conoscere le pietre e a fare le sue prime incisioni, attirando l’attenzione e l’interesse del maestro trapanese Domenico Li Muli. Nel corso della sua vita, Fiorenza non si dedica solo alla lavorazione del corallo, ma anche ad altre attività artistiche come la pittura, la scultura, il restauro e la poesia. Negli anni 1972-73 partecipa a numerose manifestazioni artistiche, quali le mostre collettive dell’Agosto Artistico Ericino e le Estemporanee notturne della Salerniana, e tiene le prime mostre personali presso sedi istituzionali di Trapani come Palazzo Cavarretta. Nel corso della sua attività si trasferisce a Milano, dove inizia un rapporto di collaborazione con il grande scultore Giò Pomodoro. Durante la sua carriera è legato da rapporti d’amicizia a numerosi esponenti del mondo dell’arte come Michele Canzonieri, l’artista Cassisa, Dino Valfrè, il senatore Ludovico Corrao e altre personalità di spicco dell’ambito artistico.
Dal 1970 al 1975 espone le sue opere nei comuni della provincia trapanese e partecipa a concorsi internazionali come “The Asward Diamond” di New York. Nei primi anni Ottanta viene chiamato ad insegnare presso una sezione provinciale dell’ECAP. Nel 1982 riceve l’Attestato di Benemerenza da parte del Soroptimist come “autentico esempio di laboriosità e continuatore della migliore tradizione artigianale trapanese”. Risale al 1988 la prima delle sue più importanti opere: un calice di 33 cm in oro, corallo e pietre preziose, realizzato per la Cattedrale di Monreale. Successivamente realizza opere in oro e argento per i Misteri di Trapani, partecipa a svariati concorsi conquistando le migliori posizioni e viene di continuo citato nei libri dedicati alle arti decorative. Nel 1993 il Vescovato di Trapani gli commissiona una “Madonna di Trapani”, alta 34 cm, in oro corallo e pietre preziose, attualmente esposta ai Musei Vaticani. Realizza inoltre un’acquasantiera in oro, corallo e pietre preziose, commissionatagli dalla Provincia di Trapani; entrambe le opere sono state eseguite per Sua Santità Giovanni Paolo II. Realizza anche un pastorale in argento e corallo alto un metro e ottanta, in occasione della nomina a Vescovo della Diocesi di Mons. Francesco Miccichè. Nel 1994 e nel 2001 espone un presepe in corallo a Roma alla mostra dei “Cento Presepi”. Nel 1997 è invitato dalla Provincia di Siracusa ad esporre a Glasgow, in Scozia. Nel 2003, per i Mondiali di Scherma è invitato dalla Provincia Regionale di Trapani ad esporre a Palazzo Riccio di Morana. Nel 2005 espone nel Foredeck Club dell’America’s Cup e, su commissione del comitato di “Porto Ossuna”, realizza l’opera in marmo di Carrara istallata in via Serisso a Trapani. Nel 2007 espone a San Casciano e, su invito della Provincia di Trapani, a Düsseldorf, in Germania. Nel 2008 è invitato ad esporre a Corciano in occasione della mostra “Il Presepe e il Corallo”. Nel 2010 partecipa alla mostra “Il Fascino del Presepe”, promossa dal Museo Diocesano di La Spezia. Nel 2011 la Provincia Regionale di Trapani, per la nomina vescovile del Mons. Antonino Raspanti di Alcamo, gli commissiona un “Pettorale in Argento, Oro e Corallo”. Nel 2012 si tiene presso il Museo Torre di Ligny a Trapani la mostra “Platimiro Fiorenza. Rossocorallo tra sogno e materia”, a cura della figlia Rosadea Fiorenza.
Platimiro Fiorenza ha ricevuto svariati riconoscimenti. Nel 2003 gli viene conferito dall’Assessorato allo Sviluppo Economico del Comune di Trapani il premio “Saturno - artigiano del mare”; nel 2004 riceve da parte del Club UNESCO di Trapani il premio come “conservatore attraverso l’insegnamento della lavorazione dei coralli”; nel 2011 la Camera di Commercio di Trapani gli assegna una medaglia d’oro come “Premio fedeltà al lavoro e al progresso economico”; nel 2013 riceve dal Lions Club di Catania il “Premio Faro Biscari” e un nuovo riconoscimento di prestigio conferitogli dall’UNESCO: entra a far parte del R.E.I, Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia, nel “Libro dei Tesori Umani Viventi”. Platimiro Fiorenza ha eseguito importanti lavori di restauro per famosi antiquari di Palermo, Roma, Firenze, Londra e New York e ha dato, inoltre, il proprio originale contributo alla celebre manifestazione dei Misteri di Trapani restaurando importanti gruppi scultorei e realizzando pregiate opere in oro e argento. In questi anni ha tenuto conferenze e lezioni presso Università, Istituti d’Arte e Corsi Regionali e la sua bottega ha ospitato giovani appassionati che hanno aperto in tutta Italia le proprie attività legate alla lavorazione del corallo. Le sue opere fanno parte di prestigiose collezioni come la Cattedrale di Monreale e i Musei Vaticani.

Stampa  Invia per email  Ingrandisci testo  Riduci testo   

File Allegati